YOOtheme

Il Capitolo generale si è immerso a tutto campo nella riflessione e nella discussione, per lo più nei Ceti linguistici, dell’Instrumentum Laboris per arrivare alla redazione del Testo delle Costituzioni.

Al centro della discussione il capitolo II “Vocazione alla nostra Vita e Formazione dei Frati”. Il capitolo secondo è certamente uno fra i testi più importanti e delicati che toccano l’ambito della chiamata, del discernimento e della formazione. Formazione che deve prioritariamente porre attenzione alla categoria dell’iniziazione alla vita cappuccina accanto alla quale non deve mancare una formazione accademica, teologica o professionale.

Nella mattina, prima dei lavori nei Ceti, il Capitolo generale ha manifestato, con larga maggioranza, il suo “placet” perchè facciano parte della Commissione che tratterà il II capitolo i fratelli Jiří Bonaventura Stivar, Kilian Ngitir, David Nestler, Dolphy Pais, Norbert Auberlin Solondrazana, Gian Battista Urso, Francesco Langi, Paolo Maria Braghini, Ernesto José Romero Rivas.

Il dibattito non si ferma all’interno delle aule dove si ritrovano gli otto gruppi capitolari, ma passando per i luoghi comuni durante le pause, si può sentire come la discussione continui. Si avverte un forte desiderio di partecipazione, di dare il proprio contributo perché il testo risulti agganciato alla realtà dell’Ordine e allo stesso tempo si proietti verso il futuro.

Nel pomeriggio fr. Roberto Genuin ha presentato il capitolo VIII dell’Instrumentum Laboris, altro testo delicato che tratta del Governo del Nostro Ordine. Molte le proposte dalla nuova struttura dell’Ordine, Province Custodie, Delegazioni e Fraternità locale, dove la Vice provincia assume la denominazione di Custodia e si distingue in Custodia provinciale o generale; la figura del Vicario generale eletto immediatamente dopo il Ministro generale con le medesime modalità del Ministro generale (cioè prescindendo dai ceti e dalle Conferenze) e prima degli altri otto consiglieri o definitori generali (o di quanti il Capitolo Generale vorrà stabilire), infine che il Vicario generale non abbia vincoli di servizio particolare per un’area specifica. Altra proposta all’interno del Definitorio il decanato per anzianità di professione; la partecipazione dei Custodi al Capitolo generale e la scelta dei delegati al Capitolo generale; i Capitoli provinciali a suffragio universale per le Province con 100 frati e la possibilità di Capitolo per Delegati per le Province superiori a 100; la durata del mandato, per il Ministro generale e consiglieri si propone di estendere il mandato a otto anni, senza possibilità di rielezione immediata per il Ministro generale, per i Superiori maggiori (Provinciali e custodi) si propone di estendere il mandato a quattro anni, con possibilità di rielezione immediata, per i Superiori locali per un periodo di quattro anni con possibilità di un altro periodo di quattro anni. Altre proposte riguardano le competenze delle Conferenze, la terminologia e alcune norme specifiche del Codice complementare. Tante proposte che il Capitolo è chiamato ora a discutere per giungere a delle conclusioni che anche nell’ambito giuridico alimentino e sviluppino il carisma cappuccino. Buon lavoro!

Grazie!

L’84° Capitolo generale dei Frati Minori Cappuccini è terminato. Desideriamo di ringraziarvi nel modo più sincero per averci accompagnato durante questi giorni. Il sito web del Capitolo con sue informazioni, foto, documenti, interviste audio e video rimarrà come ricordo, grato e bello, di ciò che abbiamo vissuto durante queste cinque settimane.

Liturgia

OremusLiturgia nelle diverse lingue. Potete seguire e pregare con noi!

Oremus...